Home page » Stagioni concertistiche » Archivio » Note sotto l'Arco - Edizione 2010

Note sotto l'Arco

Arco della Pace - MILANO
24.06.10 - 03.09.10

giovedě 1 luglio 2010 ore 21 FURIOUS MINGUS FURIO DI CASTRI TRIO
Furio Di Castri contrabbasso, Marco Tamburini tromba
Achille Succi clarinetto basso e sax alto

Il genio e la poesia di uno dei più grandi maestri della musica del Novecento riletti nel trentennale della sua scomparsa da una formazione inedita e minimale. Un tributo a Charles Mingus per esplorare i segreti della sua arte compositiva, tra combinazioni matematiche, invenzione melodica e scrittura orchestrale.

Sono passati trent’anni dalla scomparsa di Charles Mingus a Cuernavaca, il 5 gennaio 1979. Si dice che quello stesso giorno 56 balene si siano arenate sulle coste dello Yucatan - Mingus avrebbe compiuto 57 anni pochi mesi dopo. Con questa immagine simbolica si è chiusa la vita di un uomo che ha scritto le migliori pagine della storia del jazz, usando melodie raffinate e armonie sperimentali con una segreta passione per le geometrie e la matematica che originano il ritmo e le sue variazioni.
Già, i numeri. Mingus giocava con i numeri.
Nelle sue composizioni tutti i cambiamenti di tempo sono costruiti secondo le regole dell’aritmetica - moltiplicazioni, divisioni, frazioni.
Ci sono combinazioni di 2 e di 3 – di 2, 3, 4, 6, 8, 12 e 16 - fino a sfiorare il mondo dei numeri primi con il 19, la chiave della modulazione ritmica di una delle sue ultime composizioni, Sue Changes.
Diciannove. Il 19 moltiplicato per 3 fa 57, proprio come gli anni che Mingus avrebbe compiuto pochi mesi dopo quel brutto gennaio del 1979.
Mingus era un personaggio incredibile, con una personalità forte e trasgressiva e un’indole incredibilmente delicata e generosa. Non parlava mai di come scriveva la sua musica. La scriveva e la faceva imparare a memoria ai suoi musicisti. Le brusche accellerazioni dei tempi e le frenate improvvise venivano annotate sulle partiture con dei semplici “accellerando” o “rallentando”. Sono il fondamento della sua scrittura, ma il nostro orecchio viene ipnotizzato dalla magia delle sue melodie e l’arte dell’orchestrazione e non se ne accorge.
Nella sua musica convivono le radici del blues e l’estetica di Duke Ellington, la forza di Coltrane e la creatività di Charlie Parker, amalgamate e descritte con la logica di un racconto. Un’esperienza unica, inimitabile.
Il nostro tributo a Charles Mingus segue un percorso che parte da lontano, nel tentativo di interpretare l’alchimia delle sue composizioni attraverso quei numeri e quelle melodie che ne sono all’origine.


Programma

Scarica locandina


Info e Biglietti


Luogo evento